Translate

giovedì 23 dicembre 2010

zenzeriamo.......risotto con trito di limone, zenzero e rosmarino!



Bonjour....siamo a giorno 23 e domani sarà la vigilia di natale!!!!Nelle tavole vedremo tantissimi piatti tipici delle tradizioni e originali per sfidare la cucina moderna. Diciamo che il piatto di oggi era una sfida....e devo dire BEN RIUSCITA.


Ho comprato lo zenzero qualche giorno fa, e devo cercare di utilizzarlo prima che vada a male.


Girando nei blog si trovano molti secondi con l'utilizzo delle zenzero, ma siamo alle 13:11 e a me andava decisamente un primo. Quindi gira gira e rigira....mi sono imbattuta in questa ricetta dedicata agli amanti dei risotti.........come me!!!!!!!! il sapore è un misto tra l'esotico e il pungente, ma il tocco di mascarpone e formaggio addolciscono le note di questo particolare risotto.




Risotto con trito di limone, rosmarino e zenzero




ingredienti:



  • riso

  • porro q.b

  • sale q.b

  • pepe q.b

  • zenzero q.b

  • scorza di limone q.b

  • rosmarino

  • mascarpone 40 gr

  • burro q.b

  • grana 60 gr

  • vino bianco


Soffriggere la cipolla con il burro. Aggiungere il riso e far tostare. Sfumare con un bicchiere di vino bianco.


Continuate a cucinare versando il brodo. Alla fine aggiungere il trito di limone, rosmarino e zenzero. Grattugiare un pò di formaggio e far sciogliere il mascarpone.

martedì 21 dicembre 2010

pan di zenzero!!!!!!!!!!!!! biscottino di shrek per natale....


Ho finitoooo.....ho dato le ultime materie.......Ho finalmente terminato gli esami. Adesso solo tesi e a marzo finalmente LA LAUREAAAAAAAA..................Sono veramente contenta, ieri sprizzavo felicità da tutti i pori...anche oggi veramente. Un miscuglio di emozioni, tante cose intorno a me sono diventate più chiare, limpide....molte tensioni si sono attenuate.Sembra che veramente la fine comincia a vedersi e si fa sempre più vicina...


Naturalmente dovevo festeggiare, e cosa potevo fare???? ma cucinare dolci ovviamente. NE ho approfittato per provare il mio primo regalino di natale. La mia amica mi ha regalato gli stampi della silikomart con le formine dell'omino di zenzero...e quind subito all'opera. Visto che non avevo coloranti ho fatto una semplice glassa per decorarli....ma ora vado a sperimentare anche i cioccolattini ho tantissime idee.......ECCO a voi i pan di zenzero senza glutine...




Omino di zenzero:


ingredienti:



  • 300 gr di farina senza glutine (biaglut)

  • 1 cucchiaino di lievito

  • 1 cucchiaino di cannella

  • un pò di chiodi di garofano

  • un pò di noce moscata

  • 125 gr di burro

  • 100 gr di zucchero

  • 1 cucchiaio di latte

  • 1 cucchiaio di zenzero grattugiato

  • 1 cucchiaio di essenza di vaniglia

  • 1 uova grande

  • un pizzico di sale


Mischiare la farina con il lievito e le spezie. In un mixer montare lo zucchero con il burro fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungere l'uovo, lo zenzero e la farina (cn all'interno le spezie) e un pizzico di sale.


dividere la pasta n due palle, far riposare in frigo per mezz'ora. Riempire gli stampini e cuocere per 15 minuti in forno preriscaldato a 170°.



venerdì 17 dicembre 2010

Gira....gira...e rigira...per colazione: GIRELLE senza glutine.....



Oggi sono decisamente più rilassata, comunque siano andati i due compiti, li ho fatti e se i risultati dovrebbero essere positivi sarei laureata. Un sogno per essere vero...ma nel frattempo io i miei piccoli sogni li trasformo in realtà, questa volta grazie al blog il ricettario di anna , dove ho provato a simulare la ricetta delle girelle, per regalare a me e mio fratello una colazione ricca, genuina e golosa. Ebbene il risultato non è come quello ottenuto da Anna, ma devo dire che per essere la prima volta sono contenta.....e il sapore è qualcosa di meraviglioso!!!!!!!!! Cosa state aspettando????????? Provate anche voi a fare le girelle.......




ingredienti:






  • Per il rotolo al cacao


  • 80 gr farina senza glutine


  • 3 uova


  • 1 cucchiaino di lievito(consentito)


  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere(consentito)


  • 2 cucchiai di acqua


  • 140 gr di zucchero a velo(consentito)


  • 1 pizzichi di sale




Separate i tuorli dagli albumi. Montate a neve gli albumi con un pizzico di sale.




unite i tuorli con lo zucchero a velo e 2 cucchiai di acqua.




Amalgamare gli 80 gr di farina, il cacao e il cucchiaino di lievito setacciati.




Incorporare gli albumi delicatamente, stendere il composto nella placca da forno, molto sottile, a 180 °C, per 8 minuti.




per il rotolo bianco:




ingredienti:






  • 80 gr farina senza glutine


  • 3 uova1 cucchiaini di lievito(consentito)


  • 2 cucchiai di acqua


  • 140 gr di zucchero a velo (consentito)


  • 1 pizzichi di sale




Il procedimento è lo stesso. Versate il composto sul rotolo al cacao già cotto. Lasciate cucianre per 12 minuti Inumidite un canovaccio e ponete la carta forno sotto il nostro rotolo e ricoprite con un altro foglio di carta forno della stessa grandezza. Avvolgete e lasciate inumidire il rotolo per 5 secondi. Srotolate e lasciate raffreddare, togliendo le carte da forno. Ricoprite con nutella o con qualsiasi crema che possa piacervi. Rotolate e avvolgetelo in una pellicola trasparente. Lasciate riposare in frigo.




Tagliate a fettine e inzuppare una parte della girella nel cioccolato fondente fuso con un pò di latte.......BON APETIt




Nel vassoio ho messo delle palline al cocco, alcune riopere di cioccolato altre di cannella...sta sera ho degli amici a casa, giocheremo e mi sembrava carino riempire un bel vassoio di manicaretti!!!!

lunedì 13 dicembre 2010

Cuccia e Arancina's DAY!!!!!!!!!!


Santa Lucia.......la festa dei golosi qui a Palermo. La festa che in realtà non rispecchia molto la tradizione.




La luce e Lucia hanno un legame strettissimo. Santa Lucia è la Santa che protegge la vista e quindi la luce dei nostri occhi, ed è la Santa che si festeggia nei giorni in cui anticamente si svolgevano rituali per propiziare il successivo ritorno della luce -il 21 dicembre giorno del solstizio invernale-.




Forse anche per questo la tradizione vuole che si accendano fuochi per la vigilia della festa.




Altro riferimento al grano è quello della leggenda che narra che nel 1646 Siracusa fu colpita da una grave carestia, durante la dominazione spagnola e nella disperazione del momento giunse una nave carica di frumento. Questa circostanza è stata ritenuta un miracolo e da quel momento alla devozione per Santa Lucia è stato associato l'uso di consumare cuccia – grano bollito - il 13 dicembre di ogni anno.




Una costante iconografica è comunque la presenza degli occhi strappati; è un riferimento a quel che si narra essere stato il suo martirio, anche se la leggenda popolare narra che lo strappo degli occhi sia stato atto volontario della stessa Lucia, prima di essere decapitata.




Le storie raccontate dai nonni....narrano che il 13 dicembre, Bisogna mangiare grano non cotto e non consumare qualsiasi tipo di grano e farinacei cotti altrimenti si potrebbe avere una sventura e problemi alla vista..








Le storie si tramandano...e anche le usanze. E' per questo motivo che i piatti tipici della cucina siciliana si risvegliano durante questi giorni di festività...e tutti noi ne approfittiamo per regalarci delle piccole delizie per il palato....




Oggi vi propongo la mia versione di cuccia senza glutine e ovviamente per chi non ha problemi di celiachia ho trascritto la procedura della cuccia originale!!!!




BON APETIT.......e auguri a chi si chiama Lucia!!!!!








ingredienti per cuccia senza glutine:









  • quinoa (erboristeria)



  • cioccolato consentito



  • ricotta



  • cannella



  • zucchero





Le dosi possono essere scelte ad occhio, considerate almeno 100 gr di zucchero con mezzo chilo di ricotta. Di volta in volta assaggiate...






Far bollire l'acqua, versare la quinoa e far cuocere per dieci minuti Lasciar raffreddare e aggiungere la ricotta setacciata e zuccherata e pezzetti di cioccolato .






Per la versione cioccolatosa, preparare una cioccolata (potete usare preparati solubili consentiti, o sciogliere il cioccolato con latte). Aggiungere alla quinoa con pezzetti di cioccolato e cannella.






Per chi ha la possibilità di seguire la tradizione non ha problemi di celiachia, la procedura con il grano è un po' più lunga perché il grano deve stare tre giorni in ammollo e poi si deve cuocere con lo stesso procedimento descritto sopra.

domenica 12 dicembre 2010

in attesa dell'arancina day, un risotto alla marinara per il Pranzo di Natale!!!!!!


Il Natale si avvicina, anche se in realtà qui a Palermo domani festeggiamo Santa Lucia. La tradizione vuole che non si mangi grano cotto. Ottimo per noi celiaci che non mangiamo il grano completamente. Ovviamente la fantasia dei palermitani si trasforma in arancine, gateau, risotti e cuccia.


Tra tutti questi piatti la cuccia è l'unico che mi manca....visto che si prepara con il grano. Ma io ho trovato un'alternativa che vi mostrerò domani.....L'effetto sorpresa mi piace tanto!!!


Oggi invece vi propongo un primo piatto. IL RISOTTO ALLA MARINARA: Credo sia ottimo da proporre per un pranzo di natale, un pranzo importante. é gustoso, particolare, veramente speciale. Bando alle ciance...passiamo alla ricetta che i giorni sono preziosi e le idee non mancano per la preparazione di questi pranzi e di queste cene natalizie e festive in generale.


ingredienti:



  • calamari

  • gamberi

  • vongole

  • cozze

  • ricci

  • riso mezzo kg

  • sale

  • pepe

  • concentrato di pomodoro

  • aglio

  • prezzemolo

  • burro

  • vino bianco





x il fumetto:



  • lische di pesce, o parte dell'osso del pesce spada


Per il fumetto: mettere in ammollo una cipolla, prezzemolo, pomodoro queste lische di pesce o tocchi e sale e fate bollire.


Sgusciare vongole, cozze e filtrare il brodo.


Soffriggere l'aglio, rosolare calamari e gamberetti. Fate sfumare con un pò di vino bianco.


Mettete una parte del brodo di vongole e cozze all'interno e il concentrato di pomodoro e far cuocere per 5 minuti. Controllate come vi sembra di sale.


Versare lentamente cozze e vongole e cuocere per due minuti.


Far tostare il riso in un tegame con una noce di burro, e aggiungere lentamente il fumetto di pesce e qualche mestolo di condimento.


A fine cottura versare i ricci!!


Conservate un pò di condimento per la fine.


Quando è pronto pepate, prezzemolo fresco, mescolate e servite....BON APETIT...!!!!

mercoledì 8 dicembre 2010

e per cominciare le nostre feste natalizie: sfincie.....e la pastella!!!!!


Oggi è iniziato il periodo più bello dell'anno per gli amanti del natale e di tutti i suoi amici!!! In questi giorni girovagando tra i blog, ho letto notizie che mi hanno commosso, altre che mi hanno fatto gioire...alcune che mi hanno fatto piangere. Mi sono accorta che molte di voi le conosco già da qualche anno, e insieme si passa questo tempo immaginario tra le pagine delle nostre ricette che in realtà ci permette di conoscerci, di affezionarsi......si lo so!! sembra stupido, non ci si è mai visti ma ci si può affezionare??? ebbene secondo me....la magia di questa nostra passione...e dalla possibilità che tramite i blog abbiamo di farci conoscere riesce a far abbattere quelle barriere invisibili che mostrano forse i nostri lati migliori a qualsiasi utente. Per questo motivo ho deciso, che non era più il caso far attendere il mio povero blog prima di riavere una nuova ricetta senza glutine....per questo motivo ho scelto l'8 dicembre come riavvio di questo percorso....perché oggi un signore in particolare mi ha colpito quando mi ha chiesto: ma oggi potresti dire che la tua vita sia cambiata???potresti dire di aver fatto qualcosa che ti ha reso felice e che ti ha riportato la gioia nel cuore?? ecco...io in questo piccolo spazio di vita.....ho deciso di metterci un pò del mio cuore e molto di me....quindi.....è per questo che vi auguro un sereno e meravigliosa inizio di avvento.....




LA pastella....e le sfincie!!!








ingredienti:







  • 1 panetto di lievito di birra

  • 1/2 kg di farina senza glutine

  • acqua q.b.

  • sale q.b


é un lavoro molto manuale....Bisogna sciogliere il lievito con un po' d'acqua a temperatura ambiente. Aggiungere il sale....e lentamente in una ciotola molto capiente cominciare a versare la farina e sbattere con una mano....sbattere, sbattere sbattere...alternando la farina all'acqua. Il composto deve essere compatto, non troppo liquido ne troppo denso.





Versare in una padella con l'olio caldo un cucchiaio pieno di pastella e far dorare. Le sfincie possono essere guarnite con dello zucchero, della cannella o del cioccolato in polvere.


La pastella può essere usata per friggere carciofi, cardi, broccoli.....inzuppati precdentemente e versati nella padella con olio bollente.

lunedì 6 dicembre 2010

il piacere quotidiano....


Sentite anche voi che il Natale è vicino??? beh io tra l'ansia degli ultimi esami fissati giorno 16, e problemi di salute della mia cara nonnina, sento l'eco delle campanelle di natale....e vorrei vivere un Natale ancora più bello di quello passato. Non so perchè, non saprei darvi una risposta....ma in fondo un pò tutti si convincono che tutto vada male...per poi magari sentirsi sollevati quando la fortuna ci bacia le mani.....è cosi che mi sento, ed è cosi oggi in questa fredda giornata....mah!!!!!!!

mah..qualcuno mi ricorda che ogni giorno possiamo trovare un piccolo piacere!!!!! ed io il mio piccolo piacere lo trovo solo in cucina...e solo con un pò di zucchero e cioccolato!!!! e donc......una calda cioccolata cn dei buonissimi biscotti senza glutine mi hanno fatto ritrovare il sorriso.....
spero sarete pazienti....arriveranno presto dolci e cascate di ricette se solo riuscissi in questa impresa universitaria entro il termine fissato!!!!!!!!!!!!!!!!!