Translate

giovedì 12 luglio 2012

merendiamo....torta al cocco

Ciao a tutti,
vi scrivo dalla casetta al mare stanca di sentire ai tg che Scipione, Caronte, Minosse e compagnia bella continuano a pervadere nella nostra calda, anzi direi bollente atmosfera. Sono contenta che sia estate, ma sono un'inguaribile freddolosa che ama stare d'inverno a casa con una coperta a guardare un film, con il moroso mentre fuori piove e perchè no facendo merenda con una bella tazza di cioccolata...mah invece siamo qui a non contar neanche più quante volte entro in doccia, a grondare come se fossi una stufetta....a rinunciare a calorosi abbracci con il boyfriend perchè emaniamo 40 ° l'uno.....
Si c'è il mare....anche se quando spuntano le meduse sono la prima a non entrare in acqua, e tra alghe tossiche, animali e compagnia si devo dire che questo è prorio il post di una disperata che non vede l'ora che arrivi Settembre....

Oggi vi lascio una ricetta già provata, ma che va sempre bene specialmente per una pausa fresca e golosa...la torta allo yogurt in particolare al cocco!!!!! Trovate nei link a fianco la ricetta!!!


ingredienti:

  • 2 vasetti di farina (senza glutine)
  • 1 vasetto di fecola di patate (consentita)
  • 1 vasetto di yogurt al cocco
  • 1 vasetto di zucchero
  • 3 uova
  • un pizzico di sale
  • 1 bustina di lievito (consentito)
  • 1 vasetto di farina di cocco (consentita)
  • 1/2 vasetto di olio di semi
Mescolate per qualche minuto le uova intere con lo zucchero, aggiungete lo yogurt ed utilizzate il vasetto come unità di misura. Versate l'olio  la farina e la fecola setacciata e il sale e infine il lievito.
Quando il composto sarà liscio ed omogeneo versate su uno stampo precedentemente imburrato ed infarinato e infornate a 180° per 30 minuti circa.

Vale come per ogni torta la prova STECCHINO


Buona giornataaa.......

giovedì 5 luglio 2012

E ravioli SIANOoo....!!!

Dopo aver imparato a fare i ravioli al corso di cucina a Milano, nonostante le temperature bollenti che abbiamo qui a Palermo in questi giorni, ho voluto far provare alla mia famiglia il gusto fantastico di una pasta fresca condita con un sugo classico alla bolognese e dei ravioli ripieni con ingredienti semplici ma genuini.
Ho deciso, per esigenze di temperatura di rifarli quando settembre busserà alla porta, è veramente faticoso impastare e far le forme con il caldo cocente! Ma se avete aria condizionata, o volete provare a riempire qualche giornata uggiosa di metà o fine estate o perchè no se passate le vacanze in montagna e li di caldo non ce n'è tanto vi assicuro che non ve ne pentirete. La prima volta, al corso di cucina era stata utilizzata la farina mix it schaer, ma io a casa avevo la Bi.aglut e sono venuti ugualmente buoni....


Carte e penna amiche...si va in scena:

  • 400 gr di farina senza glutine
  • 4 uova
  • 30 gr di acqua
  • sale q.b
Fate una fontana con la farina, aggiungete le uova, l'acqua e il sale e impastate.
Appena si formerà un composto liscio ed omogeneo, avvolgetelo in una pellicola trasparente e fate riposare almeno mezz'ora.

PReparate il ripieno con:
  • mozzarella di bufala
  • pancarrè senza glutine
  • basilico
Sbriciolate il pancarrè e amalgamate con la mozzarella tagliata e il basilico. Con un coppapasta o un qualsiasi bicchiere dopo aver steso la pasta create i nostri cerchi!

Adagiate pochissimo impasto al centro e piegate in due. Schiacciate per bene con i polpastrelli il bordo per far attaccare i due lembi di pasta.

Il condimento può essere sia semplice come burro e salvia che più complesso....
Basta calare per pochissimo tempo i nostri ravioli in acqua bollente e salata , scolarli e servirli come meglio volete!!!!!


domenica 1 luglio 2012

Tartellette Fantasia

Quanti di voi aspettano gli sconti per fiondarsi a comprare le cose che più ci piacciono?????
Io non sono da meno, ma i miei negozi preferiti sono quelli che vendono materiale e utensili da cucina. Ecco perchè quando ho visto un super sconto sullo stampo al silicone delle tartellette non ho resistito e.... nel giro di poche ore sul tavolo c'erano queste meraviglie calde e coloratissime.
Le tartellette mi rimandano alla gioia della tavola imbandita, penso ai miei nonni che adorano riempire di antipasti e contorni la loro tavola ogni giorno non solo quando hanno ospiti.
Far trovare tante pietaanze per loro è sintomo di ospitalità, più ce n'è meglio è.......
Forse lo stomaco è colui che poverino ne risente maggiormente ma sicuramente il buon umore viene mangiando, ed è solo trovando punti in comune con i commensali che si gode del vero senso del piacere della tavola.....
LE tartellette possono essere riempite in molti modi io ho scelto un

Patè di olive

ingredienti:
  • 150 gr di olive verdi
  • olio
  • noci q.b
Ripieno di zucchine
  • 300 grammi di zucchine
  • 1 uovo
  • 40 grammi di parmigiano grattugiato
  • 30 grammi di pangrattato senza glutine
  • panna q.b. consentita
  • 1 cipollotto
  • olio extravergine d’oliva
  • sale e pepe
Ripieno di philadelphia
  • philadelphia da 80 gr
  • pomodorini
  •  
 
 
 
 
 

per il ripieno di zucchine:

Lavare le zucchine, tritarle a julienne. Preriscaldare il forno a 180°C. In una padella antiaderente, scaldare un paio di cucchiai di olio evo, tuffarci il cipollotto tagliato a velo e appena prende colore, unire la mollica di pane sbricciolata, regolare di sale continuando a mescolare. Intanto frullare le uova, unire la panna e metà parmigiano, tre cucchiai di zucchine tritate regolando di sale e pepe ottenendo una crema densa.

per il patè di olive:

frullate le olive denocciolate e dissalate con un frullatore ad immersione, versando l'olio a filo e tritando le noci aggiungendole gradualmente al composto

La pasta sfoglia rigorosamente senza glutine, è stato messa negli stampi al silicone e dopo 10 minuti di cottura ho riempito le tartellette con la crema di zucchine e rimesso in forno per dieci minuti. Trascorsi questi minuti, grattuggiate un pò do formaggio e fate gratinare per qualche minuto.
Gli altri ripieni possono essere usati a freddo e quindi potete rimpire le vostre tartellette anche pochi minuti prima di servirle.