Translate

domenica 27 maggio 2012

GOLOSI ANCHE SENZA GLUTINE: Torta compleanno kinder pinguì rivisitata


Oggi è la giornata dedicata alla celiachia, per questo io e un folto gruppo di blogger abbiamo deciso di contribuire dandovi un piccolo vademecum su come comportarsi con un celiaco a cena... Premesso che la celiachia è una malattia e non un capriccio, l’unica cura possibile, ad oggi, è l’astensione dai cibi glutinosi! Dico ciò perché si capisca bene che chi è celiaco è COSTRETTO a mangiare senza glutine e non gli fa piacere, perché è molto dannoso per il suo organismo. Quindi ci sono cibi IN (permessi) e cibi OUT (vietati). La cosa più semplice da fare è preparare un menù che possa andare bene per tutti, così non vi stresserete a preparare più pietanze, con risultati, il più delle volte deludenti. Per preparare cibi che possano mangiare tutti, quindi anche i celiaci, bisogna sapere quali sono i cibi consentiti e quelli vietati. Qui troverete un elenco molto utile (http://saporiesaporifantasie.blogspot.it/p/celiachia-for-dummies.html) Anche se l'elenco può sembrare lungo c'è un modo abbastanza semplice per capire se un cibo è senza glutine. Basta leggere attentamente le etichette! Adesso poi la normativa prevede che sia scritto a chiare lettere e, nei prodotti esteri, è sempre specificato se può contenere tracce di glutine. Infine, se un prodotto porta la spiga sbarrata sulla sua confezione è certificato dall’AIC ed è garantito per i celiaci.
REGOLE PER EVITARE CONTAMINAZIONI in casa
1. Lavare mani, superfici, utensili sporchi di farina, possibilmente in lavastoviglie e accuratamente;
2. Usare la carta forno per le teglie e tutti quegli utensili (come piastre) dove hanno cotto cibi col glutine;
3. Se volete cucinare la pasta per un celiaco, l’acqua deve essere pulita, il cucchiaio con il quale mescolate la pasta senza glutine a parte, il sale nuovo o comunque non quello contaminato dal cucchiaio “sporco” di acqua della pasta col glutine;
4. Evitare di infarinare i cibi, anche quelli degli altri, così eviterete grande fonti di stress; se proprio dovete non mettete nella stessa padella o teglia le due preparazioni;
5. se usate una griglia e avete della carne impanata, grigliate prima quella del celiaco (senza panatura) e poi tutto il resto;
6. non addensare salse, ecc. con farina. Usate la fecola per tutti e sarà più semplice! 7. non appoggiate il cibo su cibi col glutine o dove sia stato cibo col glutine. Ad esempio il pane del celiaco non mettetelo insieme a quello col glutine o nello stesso contenitore anche senza che l’altro sia presente;
8. anche per l’olio di frittura valgono le stesse regole, prima friggete il cibo senza glutine e poi tutto il resto; in ogni caso non utilizzate quello già usato in precedenza contaminato!
9. Se avete dei dubbi sulla composizione dei cibi… non usateli!








Oggi vi propongo una versione rivisitata della torta kinder pinguì
La decorazione è stata fatta in occasione del compleanno del mio ragazzo con panna e gel liquido bianco consentito per fare la scritta. Ho unito tre procedure già provate pand di spagna, crema e glassa in un'unica torta.

Per il pan di spagna:
  • 2 vasetti di farina senza glutine
  • 1 vasetto di maizena
  • 1 vasetto di farina di cocco (consentita)
  • 3/4 di vasetto di olio di mais
  • 2 vasetti di zucchero
  • 1 vasetto di yogurt al cocco (consentito)
  • 3 uova
  • 3 cucchiai di cacao amaro (consentito)
  • 1 bustina di lievito (consentito)
  • panna (consentita)
Per la crema ho usato:

  • 2 tuorli
  • 30 gr di acqua
  • 60 gr di zucchero
  • 150 gr di mascarpone
  • 200 gr di panna (consentita)
  • 3 gr di gelatina in fogli (consentita)

  • per la glassa:


  • 175 gr di cioccolato fondente (consentito)
  • 100 ml di panna liquida (consentita)
  • 1 bicchierino di caffè

  • Sbattete le uova ed incorporate lo zucchero, aggiungete lo yogurt ed utilizzate il vasetto come strumento per misurare il resto. Aggiungete la farina e la maizena setacciata. L'olio e la farina di cocco, il cacao e un pò di panna liquida per dolci. La quantità sceglietela ad occhio, l'impasto deve essere morbido.Versare in uno stampo e cuocere in forno per 40 minuti a 170°.
    Per la glassa: Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato e aggiungete lentamente panna e caffè!!
    per la crema:Portare l'acqua e lo zucchero a 118°, aggiungere la gelatina ammorbidita e versare lo sciroppo a filo sui tuorli montati. Continuare a montare fino a raffreddamento.
    Con una frusta elettrica montare il mascarpone e la panna insieme. Unire la massa dei tuorli, mescolare
    Appena pronta, lasciate raffreddare. Dividete in più strati il pan di spagna e cospargete di nutella e crema. Ricoprite il tutto con la glassa e lasciate riposare in frigo per qualche ora.
    Infine segue elenco delle blogger che partecipano: Cardamomo & co.

    giovedì 17 maggio 2012

    cioccolato da aperitivo...

    é difficile coniugare un cioccolato ricco di elementi con un dolce.
    Specialmente se fonderlo non da l'effetto bagna o glassa. Sto parlando di una tavoletta di cioccolato Venchi, il primo prodotto che ho usato del mio pacchetto. Non potendo usarlo per la realizzazione di un dolce ho deciso di fare un aperitivo rinforzato.
    Questo cioccolato è molto particolare, perchè abbina alla dolcezza del cioccolato il gusto salato della frutta secca (pistacchi, mandorle salate e nocciole).
    Ho preparato dei tocchi di formaggio (svizzero, grana e provoletta), ho fatto degli involtini di prosciutto crudo. Ho decorato con olive, fragole e ciliegie e ho spremuto delle arance dolcissime di fine stagione..
    ogni tanto coccolarsi con un buon aperitivo prima di cenare, porta il buon umore in tavola e rende le pietanze ancora più invitanti.
    In questi giorni ci prepariamo all'inizio dell'estate, nonostante siamo in primavera inoltrata. Questo tempo così variabile, non è da considerare solo un fattore negativo; perchè io prendo quest'occasione al volo per riproporre piatti invernali o non completamente estivi. ... Così possiamo usare quegli ingredienti che riposano nei nostri ripostigli o frigoriferi senza dire addio completamente alle stagioni.
    In cucina ogni giorno è una stagione, decidiamo noi se imabtterci nel freddo inverno, nel tipiedo autunno, nella solare primavera o nell'afosa estate.




    lunedì 14 maggio 2012

    La mia prima collaborazione...con VENCHI! :)

    Eccomi qui, a scrivere dell'ennesima crescita del mio blog di cucina. Sono ormai passati tanti mesi, tanti giorni e settimane e vedere ricette ancora nuove, ricche di emozioni e colori affiorare in questa pagina mi rende felice. Cosi come mi rende felice aver dato avvio alla mia prima collaborazione. Non ero molto informata in materia, ma girando tra un blog e l'altro mi sono chiesta se anche io potevo essere un blogger interessante per le aziende, in particolar modo per quelle che producono senza glutine qualcuno o in toto i loro prodotti. Cosi mi decido di chiedere all'azienda VENCHI, di cui conoscevo già molti prodotti e che adopero per spesso per i miei dolci. Non mi aspettavo una risposta cosi celere e positiva...che dirvi nel giro di tre giorni arriva questo meraviglioso pacco!!!
    Adesso non mi aspetta che provare tutti i prodotti e sperimentarli nel miglior modo possibile!!!

    giovedì 10 maggio 2012

    rigatoni PEsto di radicchio e noci

    Nella stagione dei colori, anche nei piatti non possiamo oscurarci. Tendo a mettere del colore in qualsiasi cosa nella mia vita...e così oggi nasce questo piatto, anche lui preso dal sito della Schar. Devo dire che ci sono idee carine, ma guardando le loro foto i condimenti si vedono con il binocolo all'interno dei piatti.
    Da brava siciliana mi hanno insegnato che invece bisogna abbondare......per noi non esiste la pasta con .....ma è il condimento a fare il piatto.
    Non esistono porzioni da ristorante elegante, vale a dire grandi quanto una pallina da tennis da noi si usano le "suppiere" o comunque piatti enormi colmi di cibo. Ci stanchiamo prima? No, assolutamente ci abituiamo a mangiare e ad essere felici con un buon pranzo o una buona cena. Sono tante le caratteristiche siciliane che amo, in cucina ce ne sarebbero da raccontare....
    Siamo Buone forchette, ergo anche i celiaci non possono essere esclusi da questa etichetta.
    Ecco a voi i rigatoni con pesto di radicchio e noci.

    Ingredienti:
    • mezzo radicchio
    • 70 gr d'olio
    • sale e pepe
    • grana padano
    • noci q.b
    • 1/4 d'aglio
    Frullate una parte d'olio con le noci, l'aglio e il sale. Aggiungete il radicchio lavato e tagliato sottile. Mentre frullate aggiungete l'olio a filo. Grattugiate un po' di formaggio e pepate.
    Cuocete la pasta in acqua bollente, scolatela e amalgamatela al pesto. Decorate con radicchio e noci!

    sabato 5 maggio 2012

    Simil-Cornetti!!!

    Avete presente quando l'idea è una e il risultato un altro??
    un pò è capitato così oggi, l'idea era quella di riproporre i cornetti dalla ricetta del sito schar! Il problema è stata la lievitazione, non so se è andata storta qualcosa. Il gusto della pasta era quello, ma sono rimasti piccolino, cuocendosi tipo simil-biscotti....LA sorpresa???

    Sono piaciuti da impazzire a tutti, nelle versioni dolce e salate!! Sono spariti 30 cornetti nel giro mezza giornata!
    Quindi ve la consiglio come ricetta di antipasto sfizioso, chissà magari vi lievitano più dei miei. Sicuramente io li rifarò perchè a prescindere dall'idea di partenza mi è piaciuto moltissimo cimentarmi in questo esperimento.
    Come ben sapete con la nostra farina è tutto un punto interrogativo, ma in questo caso è diventato un bel punto esclamativo.

    Ingredienti:
    • 500 g di "Mix Pane" Mix B Schär,
    • 350 ml di latte,
    • 10 g di lievito secco Schär oppure 15 g di lievito fresco,
    • 50 g di margarina,
    • 1 uovo,
    • 1 tuorlo d’uovo
    Fate una fontana con la farina, versate al centro il lievito e lentamento il latte, cominciate ad impastare e versare uovo e margarina. Impastata con tanta energia, verrà fuori una palla liscia, che dovrete stendere circa 1, 5 cm
    Formate dei triangoli e dagiate al centro il ripieno che più preferite. Rotolateli e poneteli su una teglia rivestita di carta forno. Copriteli con un panna e aspettate che lievitino.
    Spennellate con il tuorlo d'uovo e infornateli per 25 minuti a 180°