Translate

giovedì 23 ottobre 2008

Martorana


Finalmente ank'io ho fatto la martorana. Un dolce tipico palermitano, che ormai trovate in tutta la Sicilia in occasione della festa dei morti..il 2 novembre!! è solito preparare un cesto con la martorana..e dei biscotti tipici chiamati il "cannestro"e dar il buongiorno ai propri figli con questo cesto vicino a tanti bei giocattoli (si dice ai bimbi che sono i cari che non ci sono più ad averli mandati).Ricordo che quando ero bambina,la sera prima non volevo dormire..per essere la prima a correre in salone e vedere cosa avevo ricevuto...Il giorno dopo io e mio fratello tra un pezzo di martorana e l'altra giocavamo senza sosta con i nuovi doni....:)
Io non avendo avuto il tempo di cercare colori che fossero consentiti a noi celiaci, ne ho tenuta un pò da parte non colorata per me.

ingredienti:






  • 1kg di farina di mandorle (consentita)



  • 1 kg di zucchero a velo



  • 2 bustine di vanillina (consentita)



  • 1 fialetta di aroma di mandorla(consentita)



  • una scorza di limone



  • 4 cucchiai di rum



  • un bicchiere d'acqua
  • maizena q.b



  • formine adatte in gesso



  • colori per cibo (consentiti)



  • liquore a scelta q.b
  • pellicola trasparente

Impastare la farina, aggiungendo poco alla volta lo zucchero, il rum,la vanillina e l'aroma di mandorle...grattugiare la scorza di limone...e versare l'acqua poco alla volta...Impastare il tutto e rendere il composto omogeneo utilizzando un pò di maizena che renderà la pasta più morbida
CReare una palla con il composto...e far riposare 10 minuti
prendere le varie formine, adagiare sopra la pellicola trasparente, mettere un pò di impasto e pressare..per far si che la pasta prendi la forma della frutta....uscire la frutta e modellare i bordi...disporre una ad una la frutta su di un vassoio.Lasciar riposare un'ora
Preparare dei bicchierini con acqua e liquore...e versare i colori in diversi piatti....col pennello dipingere con fantasia attenendosi ai colori reali....tutta la frutta.Lasciar asciugare
Se volete,potete comprare nei negozi specifici...le foglioline,e altri oggetti..tipici!!l'importante è divertirsi usando la fantasia Da oggi potete trovarmi anche qui



Un nuovo aggregatore blog, che abbiano come tema la cucina e il mondo culinario. Trovo che sia un'iniziativa interessante e invito tutti.....foodblogger ad aggregarsi!!

9 commenti:

Lo zucchino d'oro ha detto...

Credo che sia difficilissimo fare queste cose!
Capolavoro.
Bravissima.
Si trova facilmente la farina di mandorle consentita?

:-D

Marilena ha detto...

grazie:) cmq qui a palermo c'è una piccola impresa dolciaria..che ha tutto, e anche la farina 100%mandorle.
SE magari vuoi provare solo la pasta...penso potresti usare qualsiasi formina...per esempio,non so se da te si usano le pecorelle pasquali!!identica procedura!però non si devono colorare!

Dolcetto ha detto...

Oh mio Dio ma sei stata bravissima!! Sono fatti a regola d'arte! Complimenti per la perfetta realizzazione e per la pazienza: mi piangerebbe il cuore mangiarli!

Susina strega del tè ha detto...

Gli adoro!!!! Da noi vengono chiamati "la frutta dei morti", mio padre li comprava sempre quando ero piccola.. sabato scorso l'ho visti ad una fiera, presa da un'irrefrenabile voglia di tornar bambina mi sono avvicina al banco tutta emozionata e ho detto al commesso: ne vorrei un vassoietto, quanto costano?
E lui, un pò perplesso mi ha detto: guardi signorina, che vanno a peso, son tutti dipinti a mano e costano..... 30 euro al kilo...."
O__O

con i lucciconi agli occhi, ho detto grazie e me ne sono andata... capperi che delusione.... credo che tu sappia benissimo quanto pesa il fruttino più piccolo....
uffa......
comunque i tuoi sono bellissimi, complimenti, e grazie per la ricetta così, perlomeno me li faccio da sola!!!!
^_^

Marilena ha detto...

@dolcetto: grazie tanto..in effetti è un eccato mangiarli, ma quando sono sotto il palato mmm...non vedi l'ora di morderne un altro pezzo

@susina: diciamo che qui si chiama martorana ma è il dolce tipico che viene dato per la festa dei morti...si quella fatta in casa costa tanto, anche se quella dei bar non è cosi...si sente molto di più lo zucchero troppo dolciastra secondo me....
Provala..sono contenta di esserti stata utile..allora aspetto di vederla sul tuo blog...

Dolce e Salata ha detto...

Intanto complimenti per la frutta martorana....me la mangia solo con gli occhi già...
Grazie anche per aver parlato di noi...
A presto, un bacione
Laura

Susina strega del tè ha detto...

Ehm, si magari dopo quattromila tentativi, no credo di essere così brava, magari il prossimo anno!!! ^_^

Marilena ha detto...

@dolci e salati: grazie mille..e poi credo che il vostro blog sia molto interessante

@susina: beh si dice meglio tardi che mai..quindi per la martorana..aspetteremo un anno!ihihi

Farfallina ha detto...

Ma sono bellissimi questi fruttini!!! Hai un blog carinissimo ti metto subito tra i preferiti!!